lunedì 5 agosto 2013

WOLVERINE-L'IMMORTALE

In questo secondo capitolo della saga di Wolverine, ritroviamo Logan dopo i fatti accaduti nel terzo film degli X-men: è un Logan che soffre molto per la perdita di Jean Grey e che si è isolato dal mondo. Un uomo che lui aveva salvato nel 1945 sta morendo e come ultimo desiderio vorrebbe rivederlo per ringraziarlo. Logan decide così di andare in Giappone, dove vive l’uomo, e rimarrà coinvolto nelle vicende di famiglia dell’uomo. Il film è decisamente ben fatto ed avvincente. Si distingue dagli altri film sugli x-men per una presenza piuttosto esigua di mutanti: Wolverine è quasi l’unico presente. Molto apprezzabili i riferimenti a quanto accaduto nell’ultimo capitolo della trilogia sui mutanti grazie alle scene tra lui e Jean. Nel film Logan compie un percorso di crescita e lo vediamo affrontare il lutto per la perdita della donna amata fino ad arrivare ad una accettazione di quanto accaduto. Non mancano però anche le scene di combattimento, come quella che si svolge su un treno che viaggia a 300 km/h. Se amate il genere non potete perdere questo film e come sempre non andate via prima dei titoli di coda o vi perderete un’interessante scena bonus.