giovedì 20 maggio 2010

Il buono, il brutto e il cattivo


TRAMA: Tuco (Eli Wallach) e Biondo (Clint Eastwood) lavorano insieme: il primo, sulla cui testa pende una taglia, si fa consegnare alle autorità per essere impiccato e far incassare i soldi a Biondo, che al momento opportuno spara alla corda legata al collo di Tuco. I due si spartiscono poi i soldi. Un giorno però Biondo scioglie la società abbandonando a piedi Tuco a 70 miglia dal villaggio più vicino. Tuco si vendica decidendo di uccidere lentamente Biondo facendogli attraversare a piedi il deserto. Durante la camminata nel deserto però i due si imbattono in un soldato confederato morente che rivela loro di aver seppellito 200.000 dollari. Tuco riesce a farsi dire il nome del cimitero in cui sono sepolti i soldi ma è Biondo a farsi dire il nome della tomba. I due quindi non possono trovare i soldi senza l'altro. Partono insieme. Non sanno che anche il malvagio Sentenza (Lee Van Cleff) cerca i soldi...

Un autentico capolavoro. Il film è piuttosto lungo ma la narrazione scivola via veloce grazie a continui colpi di scena e capovolgimenti di fronte. Tutti gli enterpreti sono ottimi, e la figura di Eastwood, cowboy con il sigaro in bocca è diventata leggendaria. Regia e montaggio sono perfetti, basta vedere la scena al cimitero per rendersene conto, nulla è lasciato al caso e tutto è studiato in ogni minimo dettaglio. I film di Sergio Leono però devono molto a quel straordinario compositore che è Ennio Morricone, capace, con la sua musica di raccontare gli stati d'animo dei personaggi e aggiungere suspence alle scene. Un film assolutamente imperdibile.